Passa La Parola

Passa Parola

27/08/2018

Coprire tutto con l’amore

Buon Lunedì

”Guai a voi, scribi e farisei ipocriti…”

Mt 23, 13

—————————

MESE di AGOSTO

dedicato a 

DIO PADRE

https://www.preghiereperlafamiglia.it/AGOSTO.htm

PREGHIERA di una mamma 

a Santa Monica per un figlio sviato

O Dio, che donaste alle lagrime di Santa Monica la conversione di suo figlio Agostino per modo che da vostro nemico che egli era divenne uno dei luminari della vostra Chiesa, guardate le mie lagrime ed esaudite le preghiere d’una madre desolata.

Il dolore di vedervi oltraggiato dal figlio che mi deste per farne un Santo è la prova più terribile a cui possa andar soggetta in questa vita. Mio Dio, se ciò è causa dei miei peccati, punitemi in altra maniera, ma fate che mio figlio cessi di oltraggiarvi. Deh! perdonate a lui e perdonate a me, o Signore affinché ambedue godiamo la bella sorte di lodarvi e benedirvi in eterno.
Così sia.

—————————

Traduzione del testo della canzone Jesus:

C’è una verità più vecchio di età compresa
C’è una promessa di cose ancora da venire
C’è uno, nato per la nostra salvezza
Gesù
C’è una luce che travolge l’oscurità
C’è un regno che regna nei secoli
C’è libertà dalle catene che ci legano
Gesù, Gesù
che cammina sulle acque
Chi parla al mare
Chi si trova nel fuoco accanto a me
ruggisce come un leone
Egli dissanguato come l’agnello
Egli porta la mia guarigione nelle sue mani
Gesù
c’è un nome che io chiamo nei momenti di difficoltà
C’è una canzone che conforta nella notte
C’è una voce che calma la tempesta che infuria
E ‘Gesù, Gesù
che cammina sulle acque
che parla al mare
Chi si trova nel fuoco accanto a me
ruggisce come un leone
Ha sanguinato come l’agnello
Egli porta la mia guarigione nelle sue mani
Gesù
Messia, mio ​​Salvatore
C’è potere nel tuo nome
‘nuovamente mia roccia e il mio redentore
C’è potere in tuo nome
nel tuo nome
si cammina sulle acque
si parla al mare
Tu stai nel fuoco accanto a me
ruggire come un leone
È dissanguato come l’agnello
voi portate la mia guarigione nelle Tue mani
Dio, si cammina su le acque
si parla al mare
ti trovi nel fuoco accanto a me
ruggire come un leone
È dissanguato come l’agnello
si portano la mia guarigione nella vostra mani
Gesù
non c’è nessuno come te
Gesù
non c’è nessuno come te

—————————

Lunedì 27 Agosto 2018

Lunedì della XXI settimana delle ferie del Tempo Ordinario

Santo(i) del giorno : S. Monica, madre di S. Agostino (331-387) – memoria –,  B. María Pilar Izquierdo Albero, vergine, fondatrice (1906-1945)

Meditazione del giorno : San [Padre] Pio da Pietrelcina
Cristo ci chiama alla conversione

Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo Matteo 23,13-22.

In quel tempo, Gesù parlo dicendo: “Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, che chiudete il regno dei cieli davanti agli uomini; perché così voi non vi entrate,
e non lasciate entrare nemmeno quelli che vogliono entrarci .
Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, che percorrete il mare e la terra per fare un solo proselito e, ottenutolo, lo rendete figlio della Geenna il doppio di voi.
Guai a voi, guide cieche, che dite: Se si giura per il tempio non vale, ma se si giura per l’oro del tempio si è obbligati.
Stolti e ciechi: che cosa è più grande, l’oro o il tempio che rende sacro l’oro?
E dite ancora: Se si giura per l’altare non vale, ma se si giura per l’offerta che vi sta sopra, si resta obbligati.
Ciechi! Che cosa è più grande, l’offerta o l’altare che rende sacra l’offerta?
Ebbene, chi giura per l’altare, giura per l’altare e per quanto vi sta sopra;
e chi giura per il tempio, giura per il tempio e per Colui che l’abita.
E chi giura per il cielo, giura per il trono di Dio e per Colui che vi è assiso.”

—————————

Sinossi Valtortiana del Vangelo del giorno…

http://www.scrittivaltorta.altervista.org/09/09596.pdf   Mt 23, 1-39

—————————

Passa parola. Buona giornata. Coprire tutto con l’amore

“Senza il perdono, la famiglia si ammala. Colui che non perdona non ha pace nell’anima o comunione con Dio. Il dolore è un veleno che intossica e uccide. Mantenere il dolore nel cuore è un gesto autodistruttivo. Colui che non perdona diventa fisicamente, emotivamente e spiritualmente malato.” (Papa Francesco al meeting delle famiglie in Irlanda)

—————————

Lectio Divina Carmelitana:

Tempo ordinario

1) Preghiera

O Dio, che unisci in un solo volere le menti dei fedeli,
concedi al tuo popolo di amare ciò che comandi
e desiderare ciò che prometti,
perché fra le vicende del mondo
là siano fissi i nostri cuori dove è la vera gioia.
Per il nostro Signore Gesù Cristo…

http://ocarm.org/it/content/lectio/lectio-divina-matteo-2313-22

lectio-new-small

—————————

AMICI E SERVITORI DELLA PAROLA

Questa rubrica RITORNA dopo l’estate

-—————————

La Parola.it

LE ANIME DELLE DONNE

La violenza non è forza ma debolezza, né mai può essere creatrice di cosa alcuna ma soltanto distruggitrice.

Benedetto Croce

———

La riflessione di oggi

Era il 1938 quando Benedetto Croce pubblicava La storia come pensiero e come azione e faceva questa sacrosanta asserzione, purtroppo del tutto smentita dall’umanità che si ostina a celebrare l’idolo della violenza. Immensa, è, perciò, la lista delle vittime, essendo la furia prepotente capace solo di generare morte e distruzione. Da questa lista vorrei oggi far emergere una vera e propria tipologia di vittime, le donne, spesso vezzeggiate dai maschi come oggetti preziosi e piacevoli – e questa è già una forma d’abuso -, altre volte violentate o umiliate senza rimorsi. Mi impressionò in passato una copertina di «Time» col volto fresco e bellissimo di una ragazza afgana, ma col naso orrendamente mutilato perché aveva osato ribellarsi a un matrimonio imposto. Se ci sono poeti come l’inglese secentesco Samuel Butler, capaci di scrivere senza batter ciglio che «le anime delle donne sono così piccole che alcuni credono che non ce le abbiano nemmeno», è chiaro che poi si può giungere fino a questi abissi mostruosi.

Si comincia con la spezia del sarcasmo (quanti sono i motti o le barzellette antifemminili) e poi, piano piano, superiorità, disprezzo ma anche una segreta e inconscia paura precipitano nella violenza che spesso fiorisce proprio tra le pareti domestiche. Si dirà che anche la Bibbia ha battute misogine. È vero, come ci sono pure pagine violente. Ma proprio così si vuole mostrare che Dio stesso sceglie di insediarsi nel fango dell’umanità per estrarre lentamente alcune creature che maneggiano la loro libertà come un ordigno, solo per colpire e distruggere. Lungo, purtroppo, è ancora il cammino della redenzione dalla violenza, lungo quanto la storia.

(Testo tratto da: G. Ravasi, Breviario laico, Mondadori)

RECUPERA LA RIFLESSIONE DI IERI!

—————————

Il profeta Geremia è inviato da Dio al popolo di Israele che sta vivendo la dolorosa esperienza di esilio in terra babilonese ed ha perso tutto quello che aveva rappresentato la sua identità e la sua elezione: la terra, il tempio, la legge …

La parola del profeta però squarcia questo velo di dolore e di smarrimento. È vero: Israele si è dimostrato infedele al patto d’amore con Dio, consegnandosi alla distruzione, ma ecco l’annuncio di una nuova promessa di libertà, di salvezza, di rinnovata alleanza che Dio, nel suo amore eterno e mai revocato, prepara per il Suo popolo…

Print Friendly, PDF & Email
Updated: 27 Agosto 2018 — 21:41

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *