1 ora per la tua chiesa

Impossibile? No, vero…

La nostra epoca è caratterizzata dal continuo correre, passando da un’attività ad un’altra, da un Centro commerciale all’altro, dal dolce non far niente all’ozio. Ma comunque è un correre.

Si dice sempre che “non si ha tempo”, soprattutto quando il t08_1oraempo da dedicare è per un bene comune e non personale.

“1 ora per la tua Chiesa” è l’iniziativa che si è svolta sabato 30 maggio nella nostra Parrocchia di San Felice in Pincis. L’idea di tale evento è nata dalla convinzione che la Chiesa è la “casa di tutti” e quindi è la “nostra casa”.e come tale dovrebbe essere vissuta con la partecipazione attiva di chi ne fa parte, in particolare noi laici. La Chiesa è la casa dove, in nome di Dio, ci costituiamo famiglia/Comunità, con la guida dei nostri Parroci.

La Comunità Parrocchiale va costruita con l’apporto, la partecipazione, la relazione scambievole di tutti . Il senso di appartenenza genera il senso di responsabilità e disponibilità verso le cose e le persone.

06_1oraPertanto, in tale ottica, come conclusione del mese mariano, che vede protagonista Maria come Colei che in fretta si mette in viaggio, sebbene incinta, e raggiunge la casa della cugina Elisabetta per mettersi al “servizio”, abbiamo lanciato la proposta di offrire un’ora del proprio tempo per lavori ordinari e straordinari della Parrocchia: pulizia, riordino materiali vari, manutenzione giardino, lavori in muratura e di pitturazione della vecchia Casa Canonica.

Dopo le perplessità di tanti di fronte a una proposta così “audace” (poiché tante volte si considera la Chiesa solo luogo di preghiera o erogatore inesauribile di prestazioni), i più coraggiosi hanno accolto l’invito. Eccoci in circa venti persone (tra mamme, giovani, papà) in azione sabato mattina con spazzoloni, scope, stracci e secchi. Giovanni e Pasquale hanno 10_1orapazientemente strappato buona parte delle erbacce del giardino. Abbiamo ripreso nel pomeriggio quando Nicola è arrivato con il suo furgoncino pieno di cemento e attrezzi deciso a chiudere ogni fessura della Casa Canonica per poter poi pitturare. Si sono uniti a lui un allegro gruppo di giovani Scouts e qualche immigrato. Le catechiste insieme ad alcune mamme ha pulito e profumato le aule catechistiche. Un gruppo di signore ha messo fine al disordine in un armadio. Papà Ciro ha strappato le erbacce che invadevano il marciapiede davanti alla Chiesa.

Tutti in movimento, tutti con il sorriso, “gli uni per gli altri” come poi dirà Papa Francesco nell’Angelus del giorno successivo nella festa della Trinità.

L’esperienza che abbiamo fatto è stata quella di lavorare nella nostra casa comune, in un clima di amicizia e fraternità. Ognuno ha potuto mettere a disposizione i suoi doni e poter accogliere quello degli altri.

Abbiamo pregato e vissuto un momento conviviale con Don Peppino.

Giuseppe, un giovane, ha detto: “Ho accolto l’invito con timore, ma ho fatto per la prima volta un’esperienza di servizio bellissima insieme agli altri”. Una mamma di una bambina del catechismo da affermato: “Aver donato un’ora del proprio tempo è stato bello, ma non è sufficiente poiché c’è tanto da fare”.

Ebbene, c’è ancora tanto da fare per la nostra Comunità Parrocchiale, ma abbiamo iniziato.

05_1oraSu, vieni anche tu! Ti aspettiamo sabato prossimo, 6 giugno, per rendere bella e accogliente la nostra Chiesa e far crescere la nostra amicizia.

Provare per credere!  (Mimma De Cicco)

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

chiesa di san felice in pincis © 2014 webmaster - giuseppedelprete