Categoria: Celebrazioni

1. Battesimo

battesimo

Il Sacramento del Battesimo viene celebrato la 4ª domenica di ogni mese alle ore 11:30.

La celebrazione sarà divisa in due momenti:

  1. Rito di Accoglienza (durante la Santa Messa   della 2° domenica del   mese, alle ore 11.45); al termine, i genitori ritirano in segreteria la camicina per il battesimo

2. Celebrazione del Battesimo (la 4ª domenica del mese alle ore 11:30).

Al termine, i genitori ritirano in segreteria l’attestato – pergamena del battesimo celebrato.

Sono richiesti i seguenti attestati:

1. certificato di nascita del battezzando;

2. certificato di idoneità del padrino/madrina rilasciato dalla parrocchia di appartenenza dello/a stesso/a.

Condizioni indispensabili per fare il padrino:

1. Idoneità ed intenzione di adempiere a tale ufficio;

2. Abbia 16 anni compiuti e sia cattolico;

3. Abbia ricevuto il sacramento dell’Eucarestia e della Cresima;

4. Conduca una vita conforme alla fede ed al compito che sta per assumere;

5. Che non abbia contratto solo matrimonio civile;

6. Che non aderisca notoriamente ad ideologie        materialistiche ed atee;

7. Che non sia padre/madrIe del battezzando.

Percorso Formativo

Il percorso formativo con i  genitori è strutturato in quattro incontri, di cui uno con i catechisti in famiglia e tre con i parroci in parrocchia. Al primo incontro con don Mimmo in parrocchia sono invitati a partecipare anche i padrini; il secondo con don Peppino e il terzo con don Pasquale.  Alla fine del percorso formativo viene   proposto ai genitori ed ai padrini di accostarsi al sacramento della confessione.

Obbiettivo – Aiutare i Genitori a:

1. prendere sempre più coscienza dei loro impegni battesimali;

2. vivere una fede da adulti;

3. maturare il senso di appartenenza alla comunità cristiana;

4. riscoprire Gesù come Signore della vita e della loro famiglia cristiana.

Prenotazioni

La richiesta del battesimo deve essere fatta dai genitori alla segreteria della parrocchia almeno un mese prima della celebrazione prevista, il giovedì ed il venerdì dalle ore 18:00 alle ore 20:00

Fotografi

Per la celebrazione del battesimo sarà  direttamente la parrocchia a contattare un fotografo per immortalare i momenti più salienti della celebrazione. Il fotografo sarà scelto a   turno fra quelli appartenenti alla parrocchia.

Al fine di creare un clima di raccoglimento si   prega di sollecitare amici e parenti a non utilizzare macchine fotografiche e cineprese durante la celebrazione.

Contributo Economico

Si invitano le famiglie dei battezzandi a contribuire liberamente, ma generosamente con una propria offerta per sostenere la vita e le opere della comunità parrocchiale, considerati i costi che la parrocchia affronta per l’organizzazione  e tutte le attività di culto, di evangelizzazione e di carità. Si informa che le offerte per i sacramenti non vanno ai sacerdoti ma direttamente alla Chiesa di San Felice per tutte le opere parrocchiali. In questo periodo con un grosso deficit da pagare per lavori compiuti, i sacerdoti stanno rinunciando al loro stipendio.

Contribuire significa:

  • aiutare le opere di Dio, manifestare la propria fede ed attendere da Lui la ricompensa;
  • essere coscienti e convinti di partecipare alla vita della parrocchia;
  • assumersi la responsabilità personale delle esigenze concrete e amministrative della comunità.

“Per mezzo del Battesimo, i cristiani, ottenuta la remissione di tutti i peccati, dalla condizione umana in cui nascono sono trasferiti allo stato di Figli adottivi, rinascendo dall’acqua dello Spirito Santo diventano nuova creatura; per questo vengono chiamati e sono realmente Figli di Dio. Così incorporati a Cristo sono costituiti in popolo di Dio”.

(Introduzione al Rito del Battesimo del bambini).

2. Cresima


cresima

PREPARAZIONE

La preparazione alla cresima mira a condurre il cristiano verso una più intima unione con Cristo, una familiarità più viva con lo Spirito Santo, la Sua azione, i Suoi doni e le Sue emozioni onde poter meglio assumere le responsabilità apostoliche della vita cristiana. Di conseguenza la catechesi della cresima si sforzerà di risvegliare il senso di partecipazione alla Chiesa di Gesù Cristo, attraverso la  Comunità parrocchiale, avendo sempre lo sguardo rivolto alla Chiesa universale.

Diversi sono i percorsi che partono tutti dall’inizio di ottobre:

  1. Per giovani e adulti senza problemi di orari: ogni giovedì alle 20.15 nella Congrega del Carmine
  2. Per giovani e adulti con problemi orari: ogni domenica alle 10.30 al Carmine, ma anche in orari diversi si vede volta per volta…
  3. Per adolescenti dai 12 anni in su: con i catechisti si vedrà il giorno e l’orario….
  4. Come continuazione del dopo comunione…

L’itinerario formativo sarà dato su brochure per ogni percorso


PADRINI

È usanza antichissima dare al cresimando un  padrino. Il loro compito è grave e delicato e non rappresenta una mera formalità convenzionale, dettata da motivi di convenienza umana.

Prima del conferimento della cresima sono programmati diversi incontri di formazione sia per i padrini che per i genitori.

È conveniente, per quanto possibile, che il padrino della cresima sia lo stesso del battesimo.

Condizioni indispensabili per fare il padrino

  1. Che abbia l’idoneità e l’intenzione di adempiere a tale ufficio.
  2. Che sia cattolico.
  3. Che abbia ricevuto i sacramenti del Battesimo, dell’Eucaristia e della Cresima.
  4. Che conduca una vita conforme alla fede e al compito che sta per assumere.
  5. Che non sia ritenuto “pubblico peccatore”.
  6. Che, se sposato, abbia contratto matrimonio religioso e non  solamente civile.
  7. Che non aderisca notoriamente a ideologie  materialistiche ed atee.
  8. Che non sia padre o madre del cresimando.

DOCUMENTI RICHIESTI

  1. Attestato di battesimo.
  2. Idoneità del padrino rilasciata dal parroco di appartenenza.
  3. Nulla osta del parroco, qualora il cresimando provenga da altre comunità parrocchiali.

CONTRIBUTO ECONOMICO

Si invitano i cresimandi, a farsi carico delle esigenze economiche della comunità e contribuire generosamente con una propria offerta.

Contribuire significa:

§ aiutare le opere di Dio con la propria offerta,  ed attendere da Lui la ricompensa;

§ partecipare alla vita parrocchiale contribuendo anche economicamente;

§ assumersi la responsabilità personale delle esigenze concrete e amministrative della comunità.

TESTI PER IL CORSO

  • Sacra Bibbia.
  • Compendio del Nuovo Catechismo.

3. Eucaristia

prima_comunione_-_93_html_m68ccf7d0

La formazione dei bambini per la Prima Comunione comincia a otto anni quando stanno in terza elementare, dura due anni e alla fine del secondo anno per chi è idoneo, c’è l’ammissione alla Prima Comunione.

Ogni sabato dalle 16.30 alle 18.00 nelle diverse sedi (del Carmine o di San Felice), nelle varie aule catechiste con i propri catechisti, i bambini fanno un percorso di conoscenza della Vita di gesù e della Parola di Dio. La pratica del vivere la “Parola di vita” e del raccontarsi le varie esperienze, diventa uno stimolo ad esercitare la “Testimonianza” da parte dei sacerdoti, dei catechisti e poi dei bambini.

Al primo anno fino a gennaio i bambini si incontrano coi catechisti, ma solo per conoscersi mentre i genitori fanno un percorso formativo con testimonianze ed incontri tematici…

Tutte le altre informazioni, vengono date all’inizio dell’anno con una brochure informativa.

4. Matrimonio

church-wedding

La preparazone al Matrimonio, comincia con un colloquio con don Peppino. A ottobre comincia il corso prematrimoniale e finisce a fine marzo. Bisogna dunque anticiparsi per non fare tutto in fretta. Con don Peppino si decide la data del matrimonio se esso si vuole celebrare a San Felice o al Carmine.

Il corso prevede non solo lezioni sul matrimonio dal punto di vista biblico e spirituale, ma anche dal punto di vista psicologico, medico, e dal punto di vista del diritto. Esperti verranno a formare quella coscienza che occorre per convolare a nozze dal punto di vista umano e poi spirituale (cattolico).

L’assenza dagli incontri, pregiudica la qualità della formazione.

Ogni coppia deve affrontare con serietà tale formazione che mette le basi per un buon matrimonio (cattolico).

Se non siete credenti, non sappiamo a cosa possa servire un matrimonio in Chiesa. Solo a far sfoggio di ipocrisia? Evitatela a voi e a noi…